Bolivia e Argentina: La Ruta del Che, Rosario e Buenos Aires

Un Viaggio unico, a 50 anni dalla morte del "Che" Guevara,

Richiedi Info Cerca Agenzia

Dettagli

  • Durata:
  • 10 giorni / 7 notti
  • Status:
  • NOVITA'
  • Prezzo:
  • € 2.450,00 Voli inclusi
  • Programma di viaggio
  • Quotazioni
  • Informazioni utili

Programma

Un Viaggio unico,  per ricordare a 50 anni dalla sua morte uno dei personaggi più straordinari di tutti i tempi: il Che Guevara, assassinato nella giungla boliviana il 9 ottobre 1967. Si rivivrà la storia di quest’uomo, argentino di nascita che ha combattuto per i diritti umani e la libertà dei popoli oppressi, ucciso dai militari a La Higuera, un piccolo paese dell’altopiano boliviano. Partendo da Santa Cruz de la Sierra, si visiteranno lungo  la strada tipici villaggi tra spettacolari paesaggi  per arrivare  fino a Vallegrande dove si trova l’ospedale che ospitò il corpo dopo l’uccisione e vedere il museo del Che. Si visiterà inoltre  il piccolo mausoleo eretto nel luogo dove furono misteriosamente sotterrati i suoi resti che, insieme a quelli di altri combattenti,  furono poi trasportati  a Santa Clara a Cuba nel 1997. Da Vallegrande ci si sposta a La Higuera, dove il Comandante è ancora ricordato nelle piccole case degli abitanti,  per visitare la scuola dove fu tenuto prigioniero e poi ucciso.

Si raggiunge quindi in volo Buenos Aires e si arriva a Rosario, città natale  di Ernesto Che Guevara per conoscere i luoghi che lo ricordano.  Ovviamente non potrà mancare  una visita della città di Buenos Aires, viva, moderna e nostalgica che contrasta notevolmente con i paesaggi estremi e selvaggi della Bolivia conosciuti dal nostro eroe.

Come estensioni (facoltative) alla fine del viaggio si potranno visitare le Cascate di Iguassu, la Terra del Fuoco e il famoso ghiacciaio Perito Moreno

 

1° giorno – sabato 07 ottobre 2017: ITALIA – SANTA CRUZ (-/-/-)
Partenza dall’Italia con volo di linea intercontinentale per Santa Cruz con cambio di aeromobile a Buenos Aires. Pasti e pernottamento a bordo 

2° giorno – domenica 08 ottobre: SANTA CRUZ (-/-/D)
Arrivo a Santa Cruz. Trasferimento e sistemazione in hotel K Misional*** o similare. Nel pomeriggio visita della città (privata con guida parlante italiano). Cena e pernottamento.

Altitudine massima: 416m slm

3° giorno – lunedì 09 ottobre: SANTA CRUZ - SAMAIPATA – VALLEGRANDE  (B/L/D)
Pensione completa. Partenza con mezzo privato e guida locale parlante italiano per Vallegrande con sosta a Samaipata, la cittadina che un tempo fu presa dai seguaci di Che Guevara. Vallegrande è un pittoresco villaggio dall’architettura coloniale dove si visiteranno i luoghi che ricordano Che Guevara: la lavanderia dell'ospedale dove il corpo del Che è stato esposto alla stampa e al pubblico, il Museo del Che e il mausoleo che fu eretto sul luogo dove i resti del Comandante  sono stati recentemente trovati dopo anni di mistero. Pernottamento a Vallegrande in Hotel Plaza Pueblo** o similare (semplice, si richiede spirito di adattamento).

Altitudine massima: 1.950m slm

Distanza Santa Cruz- Vallegrande: km 243, circa 5 ore

 

4° giorno – martedì 10 ottobre:  VALLEGRANDE  - PUCARA – LA HIGUERA - VALLE GRANDE (B/L/D)
Pensione completa. Partenza per  Pucarà un tipico villaggio delle valli boliviane con le sue tipiche stradine di roccia e proseguimento per La Higuera tra spettacolari paesaggi dell’altopiano. Arrivo nel paese dove il Chè è ancora ricordato nelle piccole case degli abitanti e visita alla  scuola dove è stato tenuto prigioniero e luogo della sua esecuzione. Ritorno a Vallegrande e pernottamento.

Altitudine massima: 2.500m slm

Distanza Vallegrande – La Higuera: Km 60, circa 2 ore

 

5° giorno – mercoledì 11 ottobre:  VALLEGRANDE  - SANTA CRUZ  –BUENOS AIRES (B/-/D)
Prima colazione. Trasferimento al mattino presto da Vallegrande fino all’aeroporto di Santa Cruz  e partenza con volo per Buenos Aires. Arrivo e sistemazione in hotel Kenton**** o similare. Cena e pernottamento.

Distanza Vallegrande- Santa Cruz: Km 243, circa 5 ore
 

6° giorno – giovedì 12 ottobre: BUENOS AIRES (B/-/D)
Prima colazione. In mattinata visita della città (4 ore) con servizio privato e guida parlante italiano. Si visiteranno le zone più importanti: Plaza de Mayo, San Telmo, La Boca, Palermo e si visiterà il cimitero della Recoleta, luogo di culto dove è sepolto un simbolo della storia argentina, Evita Peron, una icona della storia come il nostro Che Guevara. Pomeriggio libero. In serata cena e show di Tango in uno dei famosi locali della città con ballerini e musicisti professionisti.  Pernottamento.

7° giorno – venerdì 13 ottobre: BUENOS AIRES –ROSARIO (B/-/D)
Prima colazione. Trasferimento (privato solo autista). All’arrivo visita della città e dei luoghi che ricordano il Che Guevara (con guida parlante italiano). Sistemazione in hotel***. Cena e pernottamento.

Distanza Buenos Aires – Rosario: Km 298, circa 3,30 ore

8° giorno – sabato 14 ottobre: ROSARIO – BUENOS AIRES (B/-/D)
Prima colazione. Trasferimento (privato solo autista) a Buenos Aires e sistemazione in hotel. Cena in ristorante. Pernottamento.

9° giorno – domenica 15 ottobre: BUENOS AIRES – ITALIA (B/-/-)
Prima colazione. Tempo libero a disposizione. (Si consiglia la visita a San Telmo dove ogni domenica si svolge un caratteristico mercatino dell’antiquariato). Trasferimento (privato con guida) in aeroporto e partenza con volo per l’Italia. Pasti e pernottamento a bordo.

10° giorno – lunedì 16 ottobre: ITALIA (B/-/-)
Arrivo in Italia e fine del viaggio 

Partenza di gruppo in esclusiva TOUR 2000, con assistenza di guide locali parlanti Italiano

Operativo voli:
AR1141  07OCT  FCOEZE (Roma Fiumicino/Buenos Aires Ezeiza)       19.15/04.40 (arrivo il giorno 8 di ottobre)
AR1368  08OCT  EZEVVI (Buenos Aires/Santa Cruz de la Sierra)         11.50/13.55  
AR1369  11OCT  VVIEZE (Santa Cruz/Buenos Aires)                           14.45/18.44
AR1140  15OCT  EZEFCO (Buenos Aires/Roma Fiumicino)                  22.45/17.10 (arrivo il giorno 16 ottobre)

Estensioni disponibili

Prezzi

QUOTA PERSONA IN CAMERA DOPPIA – DA ROMA - (cambio €/usd = 1,07)

  In camera doppia Supplemento Singola
SULLE ORME DEL CHE € 2.450 € 480
Suppl.per partenze altri aeroporti italiani € 180


 

ATTENZIONE PER VISITARE LA ZONA DI SANTA CRUZ E’ OBBLIGATORIA LA VACCINAZIONE CONTRO LA FEBBRE GIALLA

La quota comprende

  • Voli intercontinentali Aerolineas Argentinas da ROMA e voli interni in Argentina
  • Hotel indicato o simile della stessa categoria su base camera doppia standard (due letti singoli, il letto matrimoniale non è mai garantito)
  • Trattamento indicato nel programma
  • Trasferimenti, visite ed escursioni con servizio privato e guide locali parlanti Italiano (quando non indicato diversamente)
  • L’assicurazione per l’ assistenza medica, il rimpatrio sanitario ed il danneggiamento al bagaglio.
  • La polizza Viaggi rischio Zero.

La quota non comprende

  • Le tasse aeroportuali (quotate ad oggi € 480,00 da riconfermare esattamente al momento della emissione)
  • Le bevande extra, gli extra di carattere personale, eccedenza bagaglio.
  • Pasti non compresi
  • La Polizza facoltativa a copertura delle penali d’annullamento del viaggio (vedi prezzi separati)
  • Le escursioni facoltative e tutto ciò non evidenziato nella voce "il programma comprende”.

Argentina

Capitale: Buenos Aires
Popolazione: 39.537.943
Superficie: 2.780.403 Kmq
Fuso orario: - 4 ore rispetto all'Italia ,- 5 ore quando in Italia vige l'ora legale.
Lingua: Spagnolo
Religione: Cattolica

Documenti e visti
E’ necessario il passaporto in corso di validità con scadenza non inferiore a 6 mesi dalla data di arrivo. Non é richiesto il visto per soggiorni inferiori a 90 giorni.

Situazione sanitaria
La situazione sanitaria in Argentina è, nel complesso, soddisfacente. L’assistenza a pagamento è di buon livello. Si consiglia di adottare le normali misure igieniche e le necessarie precauzioni sanitarie. Evitare quindi di bere acqua non imbottigliata (accertarsi delle effettiva chiusura del tappo), di consumare ghiaccio e verdure crude.

Vaccinazioni
Per visitare il Paese non è richiesta alcuna vaccinazione. Si consiglia, tuttavia, di consultare il proprio medico e l'Ufficio di Igiene del proprio comune.

Medicinali
Si consiglia di mettere in valigia i medicinali di uso abituale e quelli di prima necessità come disinfettanti, cerotti, aspirine, antinevralgici e disinfettanti intestinali, anche se le farmacie sono ben fornite e per la maggior parte dei farmaci non occorre presentare alcuna ricetta.

Comunicazioni
Prefisso per l'Italia: 0039 seguito dal prefisso locale e dal numero dell’abbonato.
Prefisso dall'Italia: 0054 seguito dal prefisso locale senza lo 0 e dal numero dell’abbonato.
Su tutto il territorio argentino viene utilizzato sia il Triband (1900 Mhz) sia il Quadriband, quindi i telefoni cellulari funzionano solo se triband o satellitari.
Per effettuare le chiamate interurbane, tuttavia, si consiglia l’utilizzo dei telefoni pubblici, chiamati “Locutorio”, disponibili in tutto il paese.
Molti hotel hanno connessioni a Internet a pagamento, numerosi sono gli Internet cafè in ogni città del paese.
 
Elettricità
Il voltaggio è di 220 volt. Sono consigliabili gli adattatori per le prese di corrente a lamelle piatte.

Clima e temperatura
La grande lingua di territorio argentino che si spinge dal Tropico del Capricorno fino alle estreme punte dell’Antartide, ha per la maggior parte della sua estensione un clima temperato ma molto diversificato da regione a regione con una temperatura media annuale intorno ai 18 - 22° C, nella fascia settentrionale e centrale fino a raggiungere i 4 / 8° C nell’estrema Patagonia e nella Terra del Fuoco. In Patagonia il clima è arido e ventoso; la Terra del Fuoco ha un clima generalmente freddo senza particolari escursioni termiche in tutto l’arco dell’anno. La zona a nord-est, ha clima caldo, semitropicale con abbondanti precipitazioni in tutto l’arco dell’anno. La regione andina e pre-andina che si estende a nord-ovest, è caratterizzata da una clima arido e secco, con improvvise notti  gelide. La fascia centrale del paese ha invece clima temperato, con miti inverni e dolci estati. Nevi perenni e ghiacciai si riscontrano  sulle vette della cordigliera australe. Nella Patagonia meridionale e nella Terra del Fuoco ci sono sette ore circa di luce al giorno in inverno e diciassette in estate. L’Argentina ha le stagioni invertite rispetto a quelle europee: l’estate argentina raggiunge il suo culmine in dicembre e gennaio, da giugno ad agosto il clima è tipicamente invernale.

Valuta
L’unità monetaria in vigore è il Peso argentino che  si divide in centavos. I dollari USA vengono cambiati praticamente ovunque. Le principali carte di credito e Traveller’s  Cheques sono in genere accettate dai maggiori negozi ed alberghi delle maggiori città.
 
Sicurezza
Per il degrado di alcuni distretti urbani e suburbani si conferma l'incremento della microcriminalità tipica delle aree metropolitane. È sconsigliato circolare di notte in tutta l’area periferica della capitale (Gran Buenos Aires) ed in alcuni sobborghi della città. Evitare in ogni caso di portare con sé grosse somme di denaro e oggetti di grande valore.

Ambasciate e consolati
Ambasciata d'Italia a Buenos Aires
Calle Billinghurst, 2577
1425 Buenos Aires
tel. 005411 40112100
fax 005411 40112159
fuori dell'orario d'ufficio: cellulare 0054 9 11 51134530

Shopping
Il paese offre una vasta gamma di articoli da acquistare. Se non tutte, molte regioni hanno un artigianato proprio. Gli articoli in pelle, dalle borse alle cinture, dagli stivali alle selle, sono un vero affare sia per il prezzo che per la qualità. Conviene, per gli articoli di lusso, comprare a Buenos Aires che ha prezzi più elevati ma offre maggiori possibilità di scelta. Cesteria, ceramica colorata, utensili in legno, qualche tessuto “boliviano”. Solo nei negozi di antiquariato si trovano oggetti preziosi di cultura india, precolombiana, come i vasi che sono rari ma bellissimi e anche assai costosi. Altrettanto dicasi per l’argenteria coloniale: si può trovare a Buenos Aires, pur essendo cara.  Famosi sono gli speroni e tutti i finimenti da cavallo lavorati in argento. Inoltre l’Argentina produce su concessione tanti prodotti europei e americani vendendoli a prezzo ridotto. A Buenos Aires ci sono numerosi shopping-center che concentrano i migliori negozi.

Cucina
La gastronomia latino americana è il risultato di un sovrapporsi di culture differenti: i semplici ingredienti degli originari abitanti indigeni si sono mischiati all’arte culinaria dei colonizzatori spagnoli e hanno subito le mille influenze dei piatti tradizionali degli immigrati europei (soprattutto italiani e inglesi) e africani. In Argentina si mangia di tutto e la gastronomia è varia: a cominciare dai celebri asados di carne (tipico piatto “gaucho”: quarti di vitello o montone infilzati su grandi spiedi conficcati verticalmente accanto al fuoco), alle gigantesche trote della regione dei laghi per finire con le centollas (granchi giganti) della Terra del Fuoco. Uno dei piatti più tipici e poveri è l’empanada, una specie di raviolone-panzerotto ripieno di uova, verdura e carne bovina o di pollo, che viene cotto al forno o fritto. Di influenza messicana sono invece le tortillas e le zuppe di fagioli  neri; dal Perù provengono i tipici piatti di patate con cereali, dal Cile ed dalla Isla Grande (nella Terra del Fuoco ) i pesci di mare più gustosi. 

Orari
Uffici postali : ci sono uffici postali in tutte le città argentine. A Buenos Aires il Correo Central è in Sarmiento 151. È aperto dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 20.00 e il sabato dalle 9.00 alle 13.00.
Banche: restano aperte dalle 10 alle 15, ma talvolta le Case di cambio hanno orari più elastici e prolungati.
Uffici: sono aperti dalle ore 09,00 alle ore 12,00 e dalle 14,00 alle 19,00.
Negozi in linea di massima sono aperti dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 19; molti praticano la siesta dalle 13 alle 16, ma nelle grandi città è più facile che i negozi facciano orario continuato. Il sabato l’apertura è prevista di norma per la sola mattinata con chiusura alle 13.

Documenti auto
Patente Internazionale (modello conforme alla convenzione di Ginevra 1949 oppure Vienna 1968).

Trasporti
La capitale e il resto del paese sono serviti da diversi mezzi di trasporto pubblici tra cui pullman, minibus, denominati "regular bus". La situazione stradale è migliorata negli ultimi anni, grazie alle grandi opere di manutenzione. La quasi totalità delle strade che collegano le principali località turistiche sono in buone condizioni. Ma in termini pratici viaggiare per lunghe tratte in regular bus significa trasferimenti talvolta lunghi e faticosi, con ritardi. Il comfort delle carrozze riservate ai turisti pur essendo migliorato in questi ultimi anni richiede comunque un minimo di adattabilità.
I taxi sono neri con tetto giallo. Il circuito di autobus di linea effettua, con regolarità e frequenza, diversi collegamenti. Per gli spostamenti a brevi distanze, è molto in uso l'utilizzo di "Radio-taxi" (diffidare di compagnie di taxi che non usano tale riconoscimento) o del cosiddetto "Remise", (taxi-noleggio).

Bolivia

Capitale: Sucre
Sede del Governo: La Paz  
Popolazione: 8.857.870  
Superficie: 1.098.581 Kmq 
Fuso orario: -5h rispetto all’Italia, -6h quando in Italia vige l'ora legale.
Lingue
La lingua ufficiale è lo spagnolo; l’inglese è abbastanza diffuso nelle zone turistiche, mentre gli indios parlano il quechua e l’aymarà.

Religioni
Cattolici 95%,  minoranze protestanti e animiste. 

Documenti e visti
È necessario il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell'ingresso.
Non necessario, il visto di ingresso  per periodi inferiori a tre mesi di permanenza nel Paese.

Situazione sanitaria
Le strutture ospedaliere pubbliche sono, salvo rare eccezioni, carenti; le strutture ospedaliere private, invece, sono migliori almeno nelle principali città quali La Paz, Santa Cruz de la Sierra, Cochabamba e Sucre.
Si consiglia di adottare le normali misure igieniche e le necessarie precauzioni sanitarie:
• bere solo acqua in bottiglia, non consumare ghiaccio, né verdure crude e sbucciare personalmente la frutta;
• proteggersi con repellenti cutanei e zanzariere;
• in caso di escursione sulle montagne andine, salire di quota con cautela per permettere al corpo di abituarsi all’altitudine, che può causare insonnia, mal di testa, nausea;
• utilizzare creme solari ad alto fattore di protezione per evitare bruciature ed eritemi solari provocati dall’altitudine.

Vaccinazioni
Si raccomanda la vaccinazione contro la febbre gialla e la profilassi antimalarica per coloro che intendano recarsi nella zona amazzonica o in quelle tropicali ad est del Paese (Chapare). Si consiglia, inoltre, alle persone sofferenti di cuore o di alta pressione un consulto con il proprio medico in quanto il viaggio si svolge a grandi altitudini, in alcuni casi oltre i mt 5.000.

Medicinali
In Bolivia ci sono poche farmacie ma ben fornite. Mettere in valigia un disinfettante per l’acqua e medicinali per il mal d’altura (soroche).

Comunicazioni
Prefisso dall'Italia:00591 seguito dal prefisso della città (per La Paz 2, Santa Cruz 3)
Prefisso per l’Italia: 0039
Per usare i cellulari italiani è necessario che essi siano Triband, anche se non è garantita la copertura in tutto il paese.

Elettricità:
Il voltaggio è di 220 volt ma a La Paz si può trovare anche di 110 volt, con prese di tipo americano. Si consiglia di portare con sé un adattatore.

Clima e temperatura
In generale il clima è freddo e secco. Il periodo più mite va da gennaio ad aprile, mentre quello più freddo va da giugno ad agosto. La Bolivia è un paese tropicale e di conseguenza le stagioni sono legate alle precipitazioni. Il miglior periodo per visitare il paese è quello compreso tra maggio e novembre, durante la stagione secca.
Si consiglia, soprattutto durante il Tour delle Lagune, un abbigliamento pratico (scarpe da trekking, pile, giacca a vento, guanti e cappello, crema solare, occhiali da sole e sacco a pelo). In questa regione la maggior parte delle strutture ricettive non dispone di riscaldamento. Poiché le temperature di notte scendono notevolmente, anche le temperature all'interno di alcune pensioni sono molto rigide (addirittura sotto lo zero nei mesi più freddi) e in molti casi è necessario avere un abbigliamento molto caldo o un sacco a pelo pesante.

Formalità valutarie e doganali
Alla dogana deve essere dichiarato l’ingresso di valuta se superiore a 10 mila dollari americani (o equivalente in altra moneta).

Valuta
L’unità monetaria è il peso boliviano, suddiviso in cento centavos. Si consiglia di portare con sé dollari USA.

Sicurezza
Si consiglia di prestare attenzione, soprattutto nei grandi centri urbani, quando ci si allontana dai quartieri normalmente frequentati dai turisti e di evitare in ogni caso di portare con sé grosse somme di denaro e oggetti di grande valore.

Ambasciata e consolati
Ambasciata d'Italia - LA PAZ
Calle 5 Jordan Cuellar n. 458 - Obrajes
Casella Postale n. 626
La Paz
Tel. +591 (2) 2788506
Fax +591 (2) 2788178
(Tel / Fax Unita' Tecnica Locale: +591 2 2788001)
E-mail: [email protected].

Informazioni pratiche
Banche: Sono aperte dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 16.30.
Pronto Intervento Polizia boliviana : 110
Vigili del Fuoco (Bomberos) : 119   

Shopping
Basta solo vedere gli abiti delle donne, i copricapo e i ponchos degli uomini, le bancarelle improvvisate e le vetrine dei negozi per esser presi dalla smania di comprare. A La Paz si trovano numerosissimi e ricchi negozi che espongono costumi, scialli ricamati, tarocchi indigeni, splendide teste lignee, maschere di Oruro, tappeti di lana variopinti, le classiche bombette delle donne e i berretti con copri orecchie degli uomini ecc. L’argenteria e la gioielleria sono piuttosto convenienti, mentre lama e alpaca sono più cari che in Perù, ma di qualità migliore. Ponchos e mantas (soprattutto quelli di Tarabuco) sono molto belli e a buon mercato. L’artigianato locale offre pelli e borse, strumenti musicali (quenas) e curiosissimi oggetti di hechiceria (stregoneria).

Cucina
La cucina boliviana è assai gustosa, tra i piatti tipici segnaliamo: “la saita de pollo”, pollo, patate cipolle un po’ piccante, gli “anticuchos”, spiedini di cuore di bue, lo “arj de lengua”, lingua di bue e patate condite con chili.

Patente
Internazionale. Modello Convenzione di Ginevra 1949. Assicurazione auto RC obbligatoria.

Trasporti
La rete stradale è solo in minima parte asfaltata; gli autobus ed i pulmini sono spesso in condizioni di manutenzione precarie. La rete ferroviaria è in pratica inesistente; esistono solo alcuni tratti carenti di manutenzione L'aereo è il mezzo di trasporto più efficiente che collega tutte le principali ed alcune secondarie città del Paese.

VIAGGIARE TRANQUILLI : AGGIORNAMENTO VIRUS ZIKA

Partenze

Partenze fisse:
  • sabato 7 ottobre 2017

Viaggi suggeriti

Avviso Quotazioni

I prezzi indicati sono suscettibili di variazioni e sono soggetti a riconferma sulla base delle reali disponibilità

Assistenza Telefonica 24h

La quota comprende il servizio di assistenza telefonica in corso di viaggio per 24 ore su 24.

Legenda/Note

Legenda delle abbreviazioni usate nei testi
B = prima colazione
L = pranzo
D = cena

Le tasse aeroportuali possono cambiare senza preavviso sino a quando non viene emesso il biglietto aereo.
Si ricorda che, da nuova normativa, i passeggeri sono tenuti a controllare la validità dei propri documenti di viaggio e a visionare ante partenza il sito viaggiaresicuri per prendere visione di ogni eventuale rischio o problema presente nel Paese, prima di effettuare la prenotazione.

Richiedi maggiori informazioni

Richiedi maggiori informazioni

ESPRESSIONE DEL CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati da questa informativa, ai sensi e per gli effetti dell'art. 13 del D.lgs. 196/03.

Cerca l'agenzia a te più vicina

Cerca l'agenzia a te piu vicina

La tua richiesta verrà inoltrata a

Compila il modulo con la tua richiesta

ESPRESSIONE DEL CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati da questa informativa, ai sensi e per gli effetti dell'art. 13 del D.lgs. 196/03.